• cannavo
  • cannavo
  • cannavo

Michele Cannavò, Scatti di Luce - Un progetto Festamobile - Booktrailer

L’uso delle foto nei contesti terapeutici e didattici si è rivelato un metodo efficace per aiutare le persone a entrare in contatto con i propri sentimenti e i propri ricordi attraverso l’interazione con le fotografie: la fotografia facilita la comunicazione e la relazione terapeutica, rendendo tangibile la percezione che la persona ha di sé, della propria realtà e delle proprie relazioni. Il dott. Michele Cannavò ormai da diversi anni ha sviluppato un modello psicoterapico originale che può essere utilizzato in contesti singoli o di gruppo e che pone l’immagine al centro del trattamento terapeutico. In altri termini, attraverso l’interazione con le fotografie proprie e altrui, si sviluppa un linguaggio che facilita il concentrarsi della persona sulle proprie sensazioni e le consente di promuovere un processo mediante il quale il paziente può osservare e raccontare momenti che le stesse fotografi e riflettono. Le immagini diventano così il modo creativo di sostenere l’emergere delle parole o di riflessioni sulle sedute e sui temi affrontati in terapia soprattutto in contesti gruppali. Immagini, intensità, sonorità ed emozioni vengono mobilitate dalle foto scelte e dal lavoro di concentrazione che ciascuno dei pazienti inizia con esse. Lo scambio di informazioni e consapevolezze, crescenti con tempi diversi, permette ai singoli componenti il gruppo di sperimentarsi in suoni, in movimenti e posture per “vibrare” insieme alle foto. Il metodo è oggi raccontato dal dott. Michele Cannavò in un libro, che può essere utilizzato da chi vuole avvicinarsi alla materia e al metodo ma anche dagli specialisti come strumento di lavoro (Scatti di luce. Viaggi e incontri di uno psicoterapeuta, Edizioni Festamobile, 2016, 112 pp., foto a colori; ordinabile online su www.festamobile.it).

Un libro fotografico che è anche uno strumento per lavori di psicoterapia di gruppo, con un metodo che concretizza in modo originale la psicologia della Gestalt.

«Le fotografie sono impronte della nostra mente, specchio delle nostre vite, immagini riflesse dei nostri cuori, memorie congelate che noi possiamo tenere nelle nostre mani […]. Le fotografie non solo documentano i luoghi in cui siamo stati, ma indicano anche la strada verso la quale stiamo andando, sia che noi la conosciamo o no. Dovremmo dialogare spesso con loro e prestare bene attenzione ai segreti che le loro storie possono svelarci».


Michele Cannavò - Scatti di luce

Viaggi e incontri di uno psicoterapeuta



 

 

 

Foto e parole:
Michele Cannavò
Milano 2016
Collana Ouvertures | Aperture – 1
f.to 20×26 cm
112 pagine
italiano e inglese
Stampa su carta Fedrigoni Arcoprint 1.0EW 140 gr, Foto a colori.

Introduzione di Margherita Spagnuolo Lobb
Postfazione di Gianni Francesetti
con un disegno di Elisa Anfuso

Stampa e realizzazione: Litografia Solari, Peschiera Borromeo (Milano)
isbn: 9788899825010
Edizioni Festamobile
Euro 23,00

 

ACQUISTA ORA



Articolo ANSA


Articolo LA SICILIA

CANNAVO' DR. MICHELE PSICHIATRA | 48, Via Ravanusa - 95030 Tremestieri Etneo (CT) - Italia | P.I. 01741230856 | Cell. +39 340 4659602 | michele.cannavo@gestalt.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite